Storia

Scuole Professionali Salesiane. Momenti della loro storia (1853-1953)

Perché un volume come questo, in un momento storico come l'attuale, in cui è da poco trascorso il 150° dell'Unità d'Italia e la Congregazione Salesiana si appresta a celebrare, nel 2015, il bicentenario della nascita di don Bosco? Per un motivo molto semplice.

Scuole Professionali Salesiane, momenti della loro storia (1853-1953)

Perché un volume come questo, in un momento storico come l’attuale, in cui stiamo celebrando, il 150° dell’Unità d’Italia? Per un motivo, direi, molto semplice. Se l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro, come recita il primo articolo della Costituzione Italiana, sono centinaia di migliaia gli Italiani che in questi 150 anni, nelle numerosissime case salesiane di tutta Italia, hanno “imparato un lavoro”, senza ovviamente contare le altre centinaia di migliaia di giovani che hanno “imparato a lavorare” mettendo le basi culturali per acquisire una più alta professionalità.

Le parole chiave della Formazione professionale

L’introduzione dell’Obbligo di frequenza di attività formative fino al diciottesimo anno di età (art. 68 della Legge 17 maggio 1999, n. 144) e del successivo Diritto all’istruzione e alla formazione per almeno dodici anni o, comunque, sino al conseguimento di una qualifica entro il diciottesimo anno di età (Legge 53/03 e D.Lgs. 76/2005) hanno impegnato il CNOS-FAP e il CIOFS/FP nella progettazione, sperimentazione e valutazione di nuovi percorsi formativi prefigurati dalla normativa.

“Fare gli italiani” con l’educazione - L’apporto di don bosco e dei salesiani, in 150 anni di storia

Nel 150° dell’Unità d’Italia, che ci apprestiamo a celebrare, il volume che qui si presenta è un modo specifico di far memoria non solo di chi “ha fatto l’Italia”, ma anche di chi “ha fatto gli italiani”, tanto nel “bel Paese” che all’estero.

Storia della formazione professionale in Italia 1947-1997 - VOL. 2 - Gli anni '80

Gli eventi e i fenomeni del decennio I cambiamenti epocali nella produzione e nel lavoro Sono molteplici le variabili strutturali e culturali che convergono a determinare il quadro di questo periodo: la recessione seguita alla seconda crisi petrolifera in Europa va ad aggravare la situazione occupazionale nel mercato del lavoro sono presenti target particolarmente difficili a causa di condizioni soggettive che rendono più problematico l’ingresso o il reingresso nella vita attiva (è il caso delle donne), ma presenta la sua criticità maggiore nella “lunghezza” dei periodi di inoccupazione o d

Abbonamento a RSS - Storia