Lavoro

Guida per l’accompagnamento al lavoro autonomo - Una proposta di percorsi per la creazione d’impresa

Una delle indicazioni qualificanti l’Accordo Stato-Regioni del 2 marzo 2000 per l’attuazione delle disposizioni in materia di obbligo di frequenza delle attività formative (art. 68 della legge 17 maggio 1999, n. 144, paragrafo 1 “Assolvimento dell’obbligo formativo nella formazione professionale”) è stata l’introduzione di misure di accompagnamento al lavoro: “I percorsi formativi devono assicurare misure di accompagnamento finalizzate a favorire l’inserimento professionale in relazione al contesto lavorativo locale” (paragrafo 1, comma 6).

Storia della formazione professionale in Italia 1947-1997 - VOL. 2 - Gli anni '80

Gli eventi e i fenomeni del decennio I cambiamenti epocali nella produzione e nel lavoro Sono molteplici le variabili strutturali e culturali che convergono a determinare il quadro di questo periodo: la recessione seguita alla seconda crisi petrolifera in Europa va ad aggravare la situazione occupazionale nel mercato del lavoro sono presenti target particolarmente difficili a causa di condizioni soggettive che rendono più problematico l’ingresso o il reingresso nella vita attiva (è il caso delle donne), ma presenta la sua criticità maggiore nella “lunghezza” dei periodi di inoccupazione o d

Linee guida per i percorsi di istruzione e formazione professionale. Comunità professionale meccanica.

La presente Guida si inserisce in un ampio lavoro, comprendente una “Linea guida generale per i percorsi di istruzione e formazione professionale”, ed altre guide di comunità professionali così da costituire nell’insieme una proposta organica e orientata alla gestione formativa degli stessi percorsi.

Guida per l’accompagnamento al lavoro dipendente

Una delle indicazioni qualificanti l’Accordo Stato-Regioni del 2 marzo 2000 per l’attuazione delle disposizioni in materia di obbligo di frequenza delle attività formative (art. 68 della legge 17 maggio 1999, n. 144, paragrafo 1 “Assolvimento dell’obbligo formativo nella formazione professionale”) è stata l’introduzione di misure di accompagnamento al lavoro: “I percorsi formativi devono assicurare misure di accompagnamento finalizzate a favorire l’inserimento professionale in relazione al contesto lavorativo locale” (paragrafo 1, comma 6).

Dalla ricerca al rapporto di lavoro Opportunità, regole e strategie

La ricerca di un’occupazione è, oggi, un percorso estremamente difficile a cui è necessario dedicarsi con impegno e gran dispendio di energie. Non è sufficiente, infatti, cercare lavoro, ma è estremamente importante saperlo fare con metodo e sistematicità.

Guida per l’elaborazione dei piani formativi personalizzati - Comunità professionale commerciale delle vendite

Con la nuova normativa sul sistema educativo (legge cost. 3/01, legge 53/03, legge 30/03), nel secondo ciclo degli studi si prevede (accanto a quello liceale) il sottosistema dell’istruzione e della formazione professionale, che realizza le mete del “Profilo educativo, culturale e professionale” (PECUP) avvalendosi di una metodologia fondata sulla valorizzazione delle culture del lavoro e mediante un approccio basato sulla pedagogia per progetti.

Il diploma di istruzione e formazione professionale - Una proposta per il percorso quadriennale

Il presente volume è in continuità con la precedente pubblicazione “Linee guida per la realizzazione di percorsi organici nel sistema dell’istruzione e della formazione professionale” (Nicoli, 2004) e ne approfondisce un aspetto importante. Già in quel testo, infatti, all’interno della descrizione di un insieme di offerte formative e di diverse tipologie di interventi, inquadrati in un orizzonte normativo, veniva abbozzato un progetto di percorso annuale di diploma professionale, successivo al percorso triennale di qualifica.

La rete formativa nella pratica educativa della Federazione CNOS-FAP

Anche le istituzioni formative stanno affrontando la stagione della qualità ponendosi seriamente il problema del rapporto tra le risorse affidate, i processi posti in atto ed i soggetti coinvolti ai cui bisogni intende dare risposta. Si tratta di una prospettiva che richiede un rovesciamento dei fattori, ovvero l’assunzione di una visione autenticamente di servizio, secondo cui l’interesse primario è quello dei cittadini, piuttosto che quello degli operatori intesi sia come istituzioni sia come risorse umane.

I sistemi di istruzione e formazione professionale (VET) in Europa

Con il Consiglio europeo di Lisbona del marzo 2000, gli stati membri e i rispettivi sistemi nazionali di istruzione e formazione sono stati chiamati ad iniziare un percorso altamente innovativo, fondato sull’esigenza comune di potenziare e rinnovare le competenze professionali dei cittadini per rispondere in modo più adeguato e concreto alle richieste del mercato e incrementare il livello di competitività dell’Europa.

Rubriche delle competenze per i diplomi professionali IEFP con linea guida per la progettazione formativa

Perché una nuova Linea Guida sulla progettazione formativa di percorsi di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP)? Avvalendosi della consulenza del prof. Dario Nicoli, la Sede Nazionale CNOS-FAP aveva elaborata una prima Linea Guida nel 2004, aggiornata poi nel 2008 e, con la collaborazione dei Settori professionali, aveva scritto Guide per specifiche Comunità Professionali. Perché, dunque, una nuova Linea Guida? Prima di presentare le caratteristiche di questo documento, rispondo alla domanda.

Pagine

Abbonamento a RSS - Lavoro