Il lavoro buono. Cultura ed etica del lavoro in Italia e nel Mondo. Una proposta educativa per la generazione post-crisi

Leggi Epub

Scarica Epub

Questa pubblicazione sulla cultura ed etica del lavoro in Italia e nel mondo nasce dalla volontà del CNOS-FAP nazionale, in collaborazione con TUTTOSCUOLA, di verificare se dietro alla gravissima disoccupazione giovanile, causa di una delle più grandi esclusioni delle giovani generazioni dalla vita sociale che la storia ricordi, non vi sia soltanto la crisi economica, ma un atteggiamento culturale, e di costume, di una società che ha ritenuto di sostituire al valore del lavoro – cioè della responsabilità pubblica - la prospettiva dell’estetica dei consumi – quindi dell’immagine pubblica del cittadino.
Per sondare quest’ipotesi, si è pensato di svolgere un’indagine su come il lavoro viene presentato nei libri di testo dei vari corsi di studi, sia nella prospettiva dell’educazione alla cittadinanza sia in quella della storia e dell’insegnamento tecnico. Iniziata la ricerca, subito ci si è trovati di fronte ad una impasse piuttosto grave. In sostanza sul tema del lavoro nei libri di testo del nostro Paese si registra non solo un atteggiamento riluttante, quasi che si trattasse di un tema minore, di scarso valore culturale, ma una vera e propria omissione come accade di solito nei confronti di un argomento considerato un tabù oppure un disvalore nella prospettiva dell’educazione dei giovani. Infatti, tranne l’eccezione dei servizi sociali e sanitari, i pochi casi in cui il tema è trattato rivelano che intorno al lavoro si è tessuta una tela di critiche di varia natura, soprattutto di origine ideologica, tendenti a definire una linea di contrasto tra lavoro e libertà, tra esercizio di una professione e possibilità di espressione autentica dell’individuo. In certo qual modo, l’esclusione del tema del lavoro dalla proposta formativa delle scuole avrebbe un’origine prettamente intellettuale e proverebbe che la disoccupazione non è solo subita, ma perlomeno di una parte non secondaria della società italiana, quella che Luca Ricolfi chiama “signorile”, risulta in qualche modo perseguita, nella prospettiva di una vita che si ritiene umana in quanto liberata dal servaggio lavorativo.

Autori: 
Dario Nicoli
Editori: 
CNOS-FAP e Tuttoscuola
Data di pubblicazione: 
Maggio, 2015
Copertina: 
Id Libro: 
978-88-900517-5-3
Riservato Agli Abbonati: 
no